ISTRUZIONI PER L'USO

IL TALLONE D'ACHILLE è pensato per scrivere libri, direttamente su questo blog. Qui comincia l'Eredità di Michele, l'ultimo scritto. Il precedente è stato interrotto, si vede che doveva maturare. Qui trovate IL primo LIBRO, col suo indice ed i post che lo compongono.
I "libri" raccolgono commenti, critiche e suggerimenti di chiunque voglia partecipare con spirito costruttivo. Continuano un percorso iniziato con le Note scritte su Facebook , i cui contenuti sono ora maturati ed elaborati in una visione d'insieme, arricchiti da molti anni di esperienze diverse e confronti con persone diverse.

I Post seguono quindi un percorso logico che è bene conoscere, se si vuole ripercorrere il "discorso" complessivo. Naturalmente è possibile leggere singoli argomenti ai quali si è interessati. Argomenti spot - che spesso possono nascere dall'esigenza di commentare una notizia - saranno trattati in pagine dedicate.

Buona partecipazione!


giovedì 7 giugno 2018

MONETA, CREAZIONE E CIRCOLAZIONE - Un diverso modo di stare dentro l'Unione europea, per prepararci alla sua fine imminente.

PREMESSA (lunga, ma necessaria).

Se affronti i temi dell'economia solo con la mente, ti perdi nell'EGOnomia: scienza che studia come trarre un vantaggio personale dai rapporti commerciali. L'ideologia neoliberista, che si nutre quotidianamente delle nostre debolezze, desidera portarci esattamente su questo terreno: in quest'ottica "competitiva", dove il tuo vantaggio è necessariamente lo svantaggio di qualcun altro. Si innesca un meccanismo che porta inesorabile verso la concentrazione della ricchezza: il beneficio è per pochi, mentre la comunità, vista nel suo insieme, ne risulta avvelenata da un risentimento crescente, che rischia di portarci ad uno scontro doloroso quanto inutile.
Se ci metti anche il tuo cuore, invece, è possibile che i suoi quarantamila neuroni alla perenne ricerca di relazioni positive, con tutti e con tutto, ti facciano vedere soluzioni diverse dallo scontro, creative, che fanno vincere tutti. Da un po' di tempo, cresce il numero di quanti ci provano.
Viviamo tempi interessanti, forse capaci di prodigi inattesi. Non voglio apparire ingenuamente ottimista, ma penso questo: fra chi vuole fuggire dall'Europa dei mercati (struttura modellata a perfezione sulla concezione liberista), e i tanti che difendono pregiudizialmente un'Europa dei popoli che non è mai esistita, si va facendo strada una via probabilmente più ragionevole (sebbene densa di pericoli che vanno conosciuti ed evitati), e sicuramente più allineata con le aspirazioni del cuore, che ha bisogno di unire e mai di dividere: rivoluzionare il modo di stare dentro l'Unione europea.
Capiamoci bene: le istituzioni politiche dell'Unione europea sono, letteralmente, un "mostro": sotto il profilo giuridico, politico, economico e finanziario. Quindi, da demolire in ogni caso. Osservando quello che succede sugli scenari politici in diverse parti del mondo, si può essere confidenti sul fatto che queste istituzioni non dureranno a lungo. Anzi, sono sempre più convinto che il collasso potrebbe coglierci addirittura impreparati. Attenzione, questo è un dato di fatto oggettivo, e pericoloso: l'Italia, che è probabilmente il paese nel quale la critica a quelle istituzioni è più forte ed avanzata, è totalmente impreparata alla loro fine. Mentre altri paesi, fra cui sicuramente la Germania, si preparano da tempo, e lo fanno in ottica competitiva: per trarne il massimo vantaggio nazionale.
Un modo utile per prepararsi, è quello di iniziare a rivoluzionare il modo di starci dentro, cominciando da un lato a costruire le cose che mancano alla nazione italiana, dall'altro ad immaginare (con i piedi per terra, ed ascoltando il cuore) il tipo di rapporti politici, economici, finanziari e culturali con quelli che sono comunque nostri vicini, fisicamente e culturalmente.
Come si fa a stare dentro l'Unione europea in modo diverso, ed efficace?
Smettendo di pensare che si deve cambiare l'Europa, e iniziando a capire che si può cambiare, intanto, l'Italia. Il resto, verrà da se.
Se hai nozioni elementari di psicologia, questa cosa la capisci al volo. Se non ne hai, ti lascerà incredulo e sconcertato.
Per prima cosa, dobbiamo diventare consapevoli del nostro valore, e delle nostre possibilità, che sono culturali prima ancora che materiali. Con l'obiettivo di reinterpretare i Trattati europei alla luce della nostra Costituzione, per riprendere la realizzazione interrotta del modello sociale più avanzato che l'umanità abbia sinora concepito. Per esportare anche in Europa, e nel mondo intero, quella cultura di liberazione della persona umana che riesce a liberare e realizzare veramente se stessa, solo all'interno di relazioni sociali armoniche, pacifiche, solidali.
Dalla competizione, alla collaborazione.
Dai mercati, agli esseri umani.
Dall'interesse individuale, a quello collettivo.
Nota bene: tutte cose già scritte, sebbene con minor convinzione, perfino nei Trattati europei (qualcosa di buono ci doveva stare per forza, almeno fra i "principi", per invitarci ad aderire). Finora, sostanzialmente ignorate, è vero, ma sta a noi, dargli vita. A noi italiani, che le cose le sappiamo fare anche col cuore, e con una creatività sorprendente.
Bada bene: non è necessario l'accordo preventivo. Noi immaginiamo che per poter fare certe cose sia necessario ottenere PRIMA un accordo, il "via libera". Ma è sbagliato: certe cose, in determinate occasioni, intanto si fanno (con cognizione di causa), e l'accordo viene DOPO. Nozioni elementari di fisica quantistica ci confortano su questa relazione di causa effetto che ci sembra "inversa". E' così che va il mondo.
Ogni singolo stato (se è consapevole del suo potere sovrano, delle proprie risorse, del suo potere negoziale) è in grado di cambiare rotta, ed anche radicalmente. E la sua azione finisce inevitabilmente per forzare anche gli altri ad un atteggiamento che diventa nuovo, diverso.
E' incredibile quanto sia radicata nella testa dei "sovranisti" l'idea che all'interno dei Trattati europei non esista alcuno spazio di manovra. Io stesso sono stato prigioniero di questa "convinzione errata", per lungo tempo. Eppure, basta alzare lo sguardo dal computer, ed osservare la realtà, per constatare che le politiche attuate in Germania sono completamente diverse da quelle attuate in Italia, e ancora diverse da quelle possibili in Francia, e in Spagna, o in GB... e così via.

La rigidità, è nella testa di chi non riesce ad aprire gli occhi (ed il cuore), perché offuscato dalla paura.
Certo, caro italiano, se hai i sensi di colpa, e ti sei lasciato convincere che sei una cacca, indebitato, corrotto, vaso di coccio in mezzo a vasi di ferro, SE CREDI DI NON POTER FARE A MENO DEI SOLDI CHE TI PRESTA LA FINANZA INTERNAZIONALE, per fare le cose che vuoi fare, meglio che ti stai fermo. Se invece cominciamo col prendere coscienza del nostro valore, della nostra ricchezza, della nostra natura divina... nessuno può fermarci. E tutti ne trarranno giovamento.

PRENDIAMO COSCIENZA DELLA NOSTRA RICCHEZZA
Lo facciamo per scoprire che senza modificare i Trattati europei, e senza neanche dover toccare il bilancio pubblico; senza uscire dall'Euro e senza dover creare nuova moneta, l'Italia potrebbe, INTANTO, iniziare a movimentare già da ora, a fin di bene, una delle tante, reali, enormi, ricchezze del suo popolo: il nostro RISPARMIO PRIVATO, di natura finanziaria. Per non parlare della ricchezza immobiliare, e delle infinite altre di cui disponiamo.
La ricchezza finanziaria italiana è abbondante; è più che sufficiente a raggiungere importantissimi traguardi di interesse pubblico, che includono la lotta alla disoccupazione, al precariato, alla povertà, l'eliminazione del debito estero, la messa in sicurezza del debito pubblico, ed una crescita economica il cui ritmo potrebbe far impallidire paesi come la Cina (ammesso che ci interessi farlo).
Non è equamente distribuita, questo è vero, ma questa circostanza rende ancora più urgente, e liberatorio, trovare il modo di metterla comunque al servizio della comunità. E' possibile.
Di cosa parliamo? Di oltre 4200 miliardi di euro (ripeto: miliardi, non milioni!). Sul dato, pubblicato recentemente da Banca d'Italia, esistono elaborazioni interessanti, fra le quali segnalo questa di BNL.
Non è affatto necessario toglierli ai risparmiatori, quei soldi per poterli utilizzare a fini sociali. Il concetto del "credito e del risparmio", previsto e tutelato nella nostra Costituzione, serve a fare questa magia: al risparmiatore resta il suo potere d'acquisto, che ha deciso di rinviare nel futuro. Nel frattempo, la comunità usa quelle risorse finanziarie per fare investimenti. Se è un organismo pubblico a gestire la cosa, le scelte diventano di pubblica utilità, a beneficio di tutti.
Per capire cosa sono 4200 miliardi, richiamiamo due numeri:
- con 300 miliardi si può dare un buon lavoro, ben retribuito, ad ognuno dei 10 milioni di italiani inattivi;
- con meno di mille miliardi si può estingue ogni debito estero (dopo averlo accuratamente misurato e verificato);
- con il resto, se fosse una cosa intelligente, ci si potrebbe estinguere il debito pubblico, giusto per sbatterlo in faccia a quelli che ci fanno sentire falliti. Ma sarebbe una cosa stupida e, come tutte le cose suggerite dall'Ego, da evitare.

Dove sono finiti, invece? Come vengono utilizzati, chi decide cosa farci, in base a quali valutazioni?
Intanto diciamo che, secondo questo studio della Consob, pubblicato nel 2017 su dati del 2016, parliamo di scelte effettuate da famiglie che hanno "conoscenze limitate nella maggior parte dei casi, "difficoltà a valutare la rischiosità degli investimenti" per oltre il 30%, "tendenza a sovrastimare le proprie capacità", in oltre il 40%, "paura di sbagliare" nel 50% dei casi. Stupisce che la Consob, dopo tale indagine, sin troppo lucida, non decida di intervenire, "lasciando fare ai mercati".
Sono infatti "loro", i "mercati", a indirizzare le decisioni. Tutte orientate a convogliare sempre e comunque il risparmio privato su titoli, depositi e derivati, alla ricerca di rendimenti che volutamente ignorano il "come" vengono generati (qui puoi trovare un esauriente approfondimento di quei meccanismi.)
Speculazione pura. Orto dei miracoli. Soldi fatti muovendo soldi.
E' questa separazione fra finanza ed economia reale, sempre più netta, che spiega la divaricazione innegabile fra prezzi dei titoli che salgono, e la situazione economica generale che ristagna. Fra una ricchezza che si concentra nelle mani di pochi, e la disoccupazione e la povertà che crescono. L'economia reale produce e distribuisce beni e servizi. La Finanza fa soldi con la compravendita di denaro, e concentra potere d'acquisto.
RISPARMIO PRIVATO E CIRCOLAZIONE DELLA MONETA

Torniamo ora ad osservare le scelte d'investimento di quei 4200 miliardi, valutandole alla luce delle considerazioni appena fatte.
1340 miliardi di euro giacciono sui depositi, a vista o vincolati, presso banche italiane o estere (e sono potenzialmente a rischio, perché le banche private posso fallire e la procedura del "bail in" permette alle autorità di impossessarsi dei tuoi depositi). Poco meno di 1000 miliardi sono investiti in attività assicurative e previdenziali (sul cui contenuto "assicurativo" potrebbe discutersi a lungo). Circa 850 miliardi rappresentano partecipazioni azionarie, per la gran parte in società non quotate (quelle non quotate rappresentano la proprietà delle aziende familiari); 520 miliardi in fondi comuni (gestiti dai signori della finanza); 330 in titoli obbligazionari (prestiti che le famiglie fanno a banche a grandi aziende), fra cui 120 in BTP.
Al'interno di queste cifre, va evidenziato che quasi 1400 miliardi di Euro di risparmio italiano sono investiti su mercati o titoli esteri. E che solo 120 miliardi sono investiti in Titoli di Stato italiani.
Ci occorre adesso una importante informazione tecnica sulla moneta, per capire meglio la relazione fra credito e risparmio. Lo facciamo ricordando che la moneta svolge due funzioni diverse, entrambe necessarie alla comunità, ma che hanno il difetto di strattonarla in direzioni opposte. La moneta consente gli scambi, ma consente anche di conservare il potere d'acquisto, attraverso il risparmio. Per consentire gli scambi, deve circolare, mentre il risparmio privato sottrae la moneta dalla circolazione!
Vediamolo graficamente:


Una sola banconota da 100 euro che viene scambiata fra diversi operatori economici, permette ad ogni compratore di soddisfare un bisogno, e ad ogni venditore di vendere il frutto del proprio lavoro, fino a quando continua a circolare.









Il Prodotto Interno Lordo misura la ricchezza nazionale e rappresenta la somma degli scambi. Una sola banconota da 100 euro che venisse usata per scambiare beni e servizi una volta al giorno, per un anno, permetterebbe un PIL annuo di 36.500 euro.
Cosa succede se la sarta, dopo aver venduto il vestito alla moglie del panettiere, decide di non spendere la sua banconota da cento euro, e di risparmiarla?









Succede che il falegname non riesce a vendere il suo mobile, il ciclista la sua bicicletta, e così via...
Il risparmio privato è cosa buona e giusta (entro certi limiti), ma sottrae meccanicamente i soldi dalla circolazione.
Qualcuno deve fare qualcosa, per ripristinare il necessario equilibrio fra cose da comprare e moneta in circolazione.
Due soggetti hanno gli strumenti teorici adatti a risolvere il problema. Il primo è lo Stato, che può scegliere di emettere nuova moneta, ma può anche prelevare con le tasse il risparmio in eccesso e rimetterlo in circolo con la spesa pubblica. Fra le due alternative, la scelta è politica.
Il secondo soggetto è la banca commerciale, che raccoglie il risparmio privato con i depositi, e lo rimette in circolo con i prestiti agli operatori economici. Questa non è teoria, questa è storia. Vita vissuta da tutti noi.
Oggi però le cose sono cambiate, e di molto. E in peggio. Lo Stato non ha più il potere di emettere nuova moneta; non riesce a prelevare con le tasse i soldi dai ricchi risparmiatori (protetti da organismi sopra nazionali); le banche commerciali non esistono più, e quelle private di oggi hanno interesse a indirizzare il risparmio dei clienti direttamente sui mercati finanziari, anziché intermediarlo nell'economia reale; le banche centrali che possono emettere nuova moneta la possono dare solo alle banche, che però, siccome sono società per azioni private, devono fare profitti ed obbedire alle regole di mercato, preferiscono mandare pure la nuova moneta ricevuta dalle banche centrali quasi esclusivamente sui mercati finanziari.
E' per questo che il falegname, il ciclista, il calzolaio ed il fornaio, al giorno d'oggi sono ridotti a fare la fame e non riescono a sbarcare il lunario, anche se sono bravissimi a fare cose belle e resistenti! Mentre sui mercati finanziari gli straricchi del mondo continuano ad arricchirsi.
COME INTERVENIRE

Per prima cosa bisogna capire su un piano culturale che la scelta sulla destinazione delle risorse finanziarie è un compito squisitamente politico, perché interessa per definizione tutta la comunità, e finisce inevitabilmente per determinare la felicità o l'infelicità di tutti. E' folle, è inconcepibile, è inaccettabile, sperare che le grandi banche d'affari sopra nazionali, nel momento in cui sono lasciate libere di orientare tutti gli investimenti nel mondo globalizzato, possano avere a cuore gli interessi delle popolazioni. Quelli devono fare profitti, e il prima possibile, e più riescono a sfruttare il lavoro e l'ambiente, più rapidamente riescono a farne. Più possono giocare con titoli e derivati, più rapidamente ne possono accumulare, sottraendo risorse alla comunità ed all'economia reale. Perché mentre di soldi se ne può creare all'infinito, le risorse necessarie a soddisfare i veri bisogni delle popolazioni sono limitate e, soprattutto, devono essere prodotte con il lavoro e l'impresa, mica si creano dal nulla! O giochiamo coi soldi, o produciamo cose utili alla comunità: sono scelte di investimento alternative.
Se ci poniamo l'obiettivo di restituire la responsabilità politica della scelta allo Stato, ma allo stesso tempo vogliamo evitare lo scontro diretto con l'Unione europea e con i mercati, possiamo ricordarci che esiste una possibilità concreta, perché due sono i soggetti che possono rimettere in circolo il risparmio privato. Attualmente, infatti, lo Stato è bloccato nell'espandere il proprio bilancio da assurde regole europee. Per fare investimenti dovrebbe ricorrere ad una pesante patrimoniale che però riuscirebbe a colpire solo gli immobili, visto che i cespiti patrimoniali sono sin troppo "mobili"... e sfuggenti). Ma nulla impedisce, in teoria, invece, di utilizzare le banche commerciali (che al momento non ci sono). 
Nota bene: i rappresentanti della finanza sopra nazionale che utilizzano le Istituzioni dell'Unione europea per tutelare i propri interessi, stanno facendo di tutto per codificare all'interno dell'Unione il "sistema bancario unificato": per sottrarre definitivamente le banche al potenziale controllo degli stati, e per lasciare le banche al servizio dei mercati finanziari. Non lo hanno ancora fatto, sebbene il processo sia avviato, per vari motivi che qui tralasciamo. Prima che avvenga, possiamo ancora infilarci nel sistema finanziario e piegarlo all'interesse pubblico, con quattro mosse, volte a mettere le banche commerciali al servizio dello Stato e, attraverso queste, mettere il risparmio degli italiani al servizio della comunità.
1) Nazionalizzare Cassa Depositi e Prestiti con Banco Poste, eventualmente anche MPS e altre banche in difficoltà; aprire sulla banca pubblica conti correnti gratuiti ed obbligatori ad ogni cittadino.
2) Dirottare su questi conti i 4200 miliardi di euro di risparmio finanziario delle famiglie italiane.
3) Separare le attività finanziarie da quelle commerciali, privilegiando queste ultime.
4) Indirizzare quel risparmio a investimenti di pubblica utilità.
Per riuscire a fare questo, occorre preparare il terreno con la riforma delle riforme: liberare l'informazione pubblica dalla "peste neoliberista" che continua imperterrita a raccontarci che "siamo falliti" e "dobbiamo sottostare, volenti o nolenti, ai diktat dei mercati" (p.s.: che squallido Monti che paventa l'arrivo della Troika! Che tristi i giornalisti neoliberisti!).
In un post a parte (questo è sin troppo lungo), si possono dettagliare meglio le modalità degli interventi. Qui preme indicare la direzione.
Da subito, invece, possiamo dire una cosa: usare banche pubbliche, al posto del bilancio degli enti pubblici, aiuta a ricordare ai politici che la spesa da fare nell'interesse generale è una SPESA PER INVESTIMENTI. Perché solo quella crea nuova ricchezza.
Cosa della quale il contratto Lega-M5S sembra essere (almeno apparentemente) poco consapevole, volto com'è a distribuire risorse ai cittadini attraverso reddito e pensione di cittadinanza. Metter soldi in tasca alla gente è cosa buona e giusta, oggi che mancano, e di questa intenzione siamo grati al governo che, rispetto ai precedenti, ha invertito la rotta. E' peraltro possibile che gli economisti al lavoro nel governo siano ben più consapevoli di quanto non appaia. Sapranno bene, si spera, che il sistema finanziario globale è strutturato in modo da indirizzare le risorse disponibili sui mercati finanziari, e che quindi non è sufficiente immettere nuove risorse. Sapranno bene che distribuire soldi (oltre ad essere oggettivamente più difficile) non riesce a risolvere i problemi strutturali del paese, che sono tutti nella MANCANZA DI INVESTIMENTI, come dimostrano le infinite cose urgenti da fare ed i dieci milioni di italiani inattivi.
Gli investimenti, se fatti bene, si pagano da soli. FAR CIRCOLARE CORRETTAMENTE LA MONETA ESISTENTE, e indirizzarla verso investimenti produttivi, E' INFINITAMENTE PIÙ IMPORTANTE DI CREARNE DELL'ALTRA.
CONSIDERAZIONE FINALE

Non sono i Trattati a impedirci di fare la cosa giusta. L'ostacolo più grande è dentro di noi. Siamo noi che spesso ci opponiamo al cambiamento, perché all'orribile realtà ci siamo bene o male adattati. Quanti italiani (fra quelli che contano) riescono a sopportare le assurdità che abbiamo sotto gli occhi, consolandosi con i profitti accumulati sui mercati finanziari?
La dea Fortuna è sempre stata molto popolare e capace di tentazioni forti, in questo paese. Lo dimostrano i 100 miliardi di euro che vengono spesi ogni anno in scommesse, lotterie e gratta e vinci.
Se vogliamo cambiare il mondo, però, dobbiamo cambiare noi stessi. Per scoprire che la soddisfazione vera non è quella di vincere al superenalotto, e neppure arricchirsi sui mercati finanziari, mentre gli altri soffrono. La soddisfazione vera è quella di riuscire a produrre, tutti insieme, con l'ingegno ed il lavoro, cose utili alla comunità. Per un mondo che può, anche grazie al nostro impegno, diventare più umano, e quindi divino.

venerdì 27 aprile 2018

ATAC - PRIVATIZZAZIONI - RIFORME STRUTTURALI

Ci mancava il referendum per privatizzare (oh, scusa, non si dice così) l'ATAC, carrozzone del trasporto pubblico di ROMA CAPITALE.

Proviamo però ad inquadrare questo caso particolare nella cornice più generale, guardando le cose dall'alto.
C'è infatti un schema preciso e "meccanico" che investe tutta la gestione dei servizi pubblici, in tutta Italia. 
- Il Patto di Stabilità interno, che disciplina le finanze degli enti locali per renderle coerenti con gli obiettivi di finanza pubblica, ha progressivamente ridotto ed infine eliminato i contributi che lo Stato erogava agli enti locali. Quei contributi servivano a coprire i costi dei servizi pubblici essenziali
- Per coprire quei costi, i Comuni sono ora obbligati (per legge e per bisogno materiale) ad aumentare le tasse locali (Tari, Tasi, ecc.) ai cittadini ... che sono già tartassati su tutti i fronti e non ne possono più. 
- Altre regole recenti del patto di stabilità limitano fortemente la possibilità dei Comuni di fare nuovi investimenti, perfino nel caso in cui abbiano disponibilità finanziarie! (Ti sembra assurdo? Sì, lo è).
Lo capisce anche un bambino che in queste condizioni diventa veramente difficile far funzionare le cose! Niente investimenti, niente miglioramenti. La qualità del servizio ne risente, inevitabilmente. Anche il più bravo degli amministratori sarà infatti costretto a ridurre il personale, diminuire la quantità del servizio erogato, sacrificare la sua qualità, aumentare le tariffe. Per quanto a malincuore! 
Questo aspetto è molto importante: parla della meccanicità ed ineluttabilità del processo in corso. In questa cornice, tu puoi eleggere il più bravo e benintenzionato dei rappresentanti, a fare il Sindaco, ma le cose cambieranno poco: "c'è il Pilota Automatico"!
Questa è la situazione, in due parole: servizio che peggiora, e tasse che aumentano. 
In questa situazione arriva uno "smart" e ti dice: "beh..dai: privatizziamo! Si sa che i privati sono più efficienti". Ed è probabile che tu possa abboccare, con tutte le scarpe, sollevato dall'idea che diminuiranno le tasse. Dentro di te, magari, pensi pure: "finalmente licenzieranno quei fannulloni parassiti degli impiegati pubblici"!
Diciamocelo chiaramente: le cose possono essere gestite meglio. Devono essere gestite meglio. E' possibile e urgente gestirle meglio. E se io e te, cittadini utenti del servizio, direttamente interessati, scegliamo di metterci finalmente il naso di persona per capire come funzionano le cose, anziché delegare i politici e poi lamentarci, forse si riesce pure a farle funzionare davvero meglio, le cose!
Nel frattempo dobbiamo capire che quello smart può avere tanti volti e tanti nomi, magari è un radicale che ti propone un referendum sull'ATAC, ma risponde più o meno consapevolmente sempre e comunque ad una strategia politica estremamente chiara, pensata a Bruxelles (ma guarda: i radicali non erano quelli del "più europa"?): fra le Riforme Strutturali da fare, prima o poi, a torto o a ragione, da soli o sotto ricatto del MES e della Troika, c'è scritto: PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI.
Però gli italiani, mediamente parlando, sono culturalmente contrari alle privatizzazioni, gli piace l'idea dei Beni Comuni (anche se poi li rispettano poco..), votano a favore dell'Acqua pubblica... e così via.
Allora di "privatizzazioni" è meglio non parlarne. Si fanno, ma con altri nomi; con processi striscianti, e poco trasparenti.
Si comincia con il trasformare gli Enti pubblici in Aziende ed in S.p.a., lasciando la proprietà ai Comuni. E già questa semplice operazione riesce a modificare strutturalmente il modo di pensare: da oggi in poi, quadrare il bilancio diventa più importante della qualità del servizio erogato ai cittadini! 
NOTA BENE: è così che diventa quasi "naturale" l'idea che il cittadino debba necessariamente pagare il corrispettivo del servizio reso, per coprire esattamente i costi (ma non li pagavamo già con le tasse?).
Poi si introducono alcuni elementi standard: si "esternalizzano" (parola difficile per dire: "si privatizzano a pezzi") un po' di servizi che sembrano accessori, insomma, poco importanti. Poi si fa entrare qualche privato nel capitale, prima con quote minoritarie, poi sempre maggiori (i privati possono fare investimenti, tu Comune no, quindi sembra conveniente). Poi arriva il giorno che la gestione del servizio viene concessa tutta ai privati, ed al Comune resta l'infrastruttura (con i costi di manutenzione). Alla fine, anche l'infrastruttura sarà ceduta, quando sarà evidente che - in questo scenario - il Comune non potrà mantenerla. 
Chi compra? Soggetti privati sempre più grandi, sempre più stranieri. In un paese che accetta queste regole senza ribellarsi, il processo è inarrestabile.
In quel giorno, il privato gestore sarà molto efficiente... a far quadrare i (suoi) conti! Finalmente libero (e senza paura di perdere voti) di licenziare, perché fra le altre Riforme Strutturali pensate a Bruxelles c'è una fissa: rendere "flessibile" il lavoro. Sarà inoltre anche libero di decidere a chi erogare il servizio e a chi no. Libero di differenziarlo a seconda della "domanda": i ricchi che pagando un po' di più, avranno un servizio eccellente; i poveri pagheranno di meno, e avranno un servizio scadente. E se non puoi pagare... ciccia.. E' così che si introducono le "caste", che noi pensavamo fossero roba da incivili. 
Piccole considerazioni sparse. 
1) Paghiamo tasse allo Stato, che fino a poco fa le distribuiva ai Comuni affinché erogassero i servizi. Ma se ora dobbiamo ripagare anche il costo dei singoli servizi, perché mai le tasse che paghiamo allo Stato non sono diminuite, anzi sono perfino aumentate?
2) Un "servizio" (ascolta dentro di te il significato della parola) rappresenta per definizione un COSTO. Un servizio "essenziale" è qualcosa di cui i membri della collettività (TUTTI, non solo i ricchi) hanno estremo bisogno. Acqua, energia, salute, trasporti, istruzione... Per questo la collettività decide di SPENDERE: per soddisfare bisogni essenziali. Ma un privato non vuole spendere, vuole guadagnare! Vuole un PROFITTO. Lo capisci che è una contraddizione insanabile?
3) Fino a quando dura il patto di stabilità, non c'è soluzione accettabile. Comincia a domandarti, se non lo hai già fatto: che senso ha far quadrare i conti pubblici, come ci chiede Bruxelles, mentre il sistema finanziario sopra nazionale (che Bruxelles ha scelto di mettere al di sopra della politica) può creare risorse finanziarie senza costi e senza limiti?
4) Quale è lo spreco maggiore: pagare un lavoratore che produce poco; oppure lasciarlo senza lavoro (così non solo non produce nulla, ma bisogna pure mantenerlo)?
5) Per combattere le inefficienze ci vogliono controlli. Ed è bene che i controlli avvengano non solo dall'alto, ma meglio dal basso. E' più facile per la cittadinanza controllare un ente pubblico, o un'azienda privata
6) Ma perché la finanza sopra nazionale, ben rappresentata a Bruxelles, ci tiene così tanto alle privatizzazioni?
Mi viene da pensare (ma io si sa, sono malizioso) che un sistema che inventa i soldi dal nulla e se li tiene per sé ha ben chiara l'idea che non durerà a lungo, quel modo facile di accumulare ricchezze. 
Sa anche che il sistema delle multinazionali che sfrutta il lavoro e l'ambiente per produrre cose che, al di la degli sforzi della pubblicità, alla fine ci sembrano tutte eguali, sono vendute in grandi centri commerciali che anche loro alla fine sono tutti eguali, e per di più, dopo che le hai comprate finiscono nelle discariche, perché oggettivamente fanno un po' schifo... non può durare. Davvero non può durare.
Allora si diversifica: nella gestione dei servizi essenziali, gestiti dai privati, se si toglie di mezzo la politica che potrebbe sempre difendere gli interessi dei cittadini, i soldi si faranno sempre e comunque: puoi essere povero quanto ti pare, ma per l'acqua, l'energia, la salute, il trasporto... i soldi, almeno un po' di soldi, li troverai sempre. Se poi di "pubblico" lasci quel poco che serve a coprire certi costi che a te privato danno tanto fastidio... hai fatto bingo!

Tu, cittadino estraneo alla politica, che ti lamenti ma non ci metti il naso, accetterai lavori da schiavo, per bere, per poterti curare, per pagare l'autobus che ti porterà sul posto di lavoro da schiavo.

... oppure decidi che è ora di metterci dentro il tuo nobile naso, direttamente, in certi affari, che ci riguardano proprio tutti e molto da vicino, per darci finalmente un taglio a tutta questa triste strategia... 

Non ti accontentare di dire NO al referendum, o di farlo fallire, o di difendere l'ATAC, pubblica e comunale: è il Pilota Automatico, l'ostacolo da eliminare.

Dipende anche da te. Dalla tua consapevolezza. Capirlo, è solo il primo passo.